La Tokio cheesecake. Ossia la torta al formaggio giapponese soffice come il cotone.

Il “Miki Ojisan No Mise”, letteralmente “Il negozio di zio Miki”, è una famosa catena giapponese con sede in Giappone, ma ormai con punti vendita diffusi in tutto il sud est asiatico, dove dicono si può provare l’originale cheesecake giapponese. Ho preso qualche lezione della lingua orientale e mi sono messa alla ricerca della ricetta. Finalmente l’ho trovata qui, ed è stato un modo per mettere in pratica le lezioni profumatamente pagate. Ho apportato qualche modifica, ma il risultato mi sembra abbastanza fedele all’originale, tranne che per l’altezza, ma io la preferisco bassina. Diciamo la verità, se n’è anche scesa un pò, ma non più di tanto e poi ho letto che un calo è fisiologico. Con la cheesecake newyorkese, quella con la base di biscotto, non ha nulla a che vedere, se non il nome e la presenza del formaggio spalmabile (che io ho sostituito con il mascarpone). E’ una torta morbidissima, spumosa, tra un budino e un pan di Spagna, provarla è un modo per scoprire una sensazione gustativa nuova. Ha una cottura un pò delicata, e lunga, almeno la mia che prevede un bagnomaria nel forno (per evitare crepe sulla superficie). Non so se mi ha convinto fino in fondo, ma ogni tanto apro il frigo e ne prendo un pezzettino, e questo è un buon segno. Ne esistono varie versioni come quella al cioccolato, al caffè, alla frutta, io ho provato la versione base, arricchita da zucchero a velo e una salsina di frutti di bosco.

Per uno stampo da 20 cm:

  • 125 gr. di mascarpone ( o formaggio cremoso)
  • 3 uova a temperatura ambiente
  • 80 gr. di zucchero
  • 50 ml di latte
  • 30 gr. di burro
  • 30 gr. di farina “00”
  • 10 gr. di amido di mais
  • un cucchiaino di succo di limone
  • mezzo cucchiaino di lievito per dolci

Preriscaldare il forno a 160° ventilato e porre all’interno una teglia più grande con due dita di acqua, per il bagnomaria. Imburrare la teglia che servirà per il dolce.


In una ciotola mescolare il mascarpone con il latte, il burro fuso raffreddato e il limone, fino ad avere una crema liscia. Aggiungere la farina setacciata insieme all’amido, il sale e i tuorli uno alla volta. Mescolare bene  a mano o con uno sbattitore.

In una ciotola a parte montare a neve ferma gli albumi a temperatura ambiente, aggiungendo poco alla volta lo zucchero e il lievito (mi raccomando di non aggiungere sale durante la montatura degli albumi, tende a smontarli, e inoltre la ciotola deve essere preferibilmente di metallo e ben sgrassata).

Aggiungere gli albumi delicatamente, mescolando dal basso verso l’alto, al precedente composto. Versare nella teglia imburrata, livellare delicatamente e porre nel forno nella teglia più grande piena d’acqua. La cottura deve durare circa 1 ora e 15 minuti. Se la superficie tende a scurirsi, abbassare la temperatura fino a 150° gradualmente, ossia in due tre volte. Assolutamente vietato aprire il forno durante la cottura. A cottura ultimata, far raffreddare prima con lo sportello socchiuso, poi sfornare e far raffreddare su una gratella sollevata. Si serve fredda di frigorifero e possibilmente il giorno dopo.

Secondo me in Giappone, la fanno raffreddare a testa in giù, come si fa per il panettone e per la chiffon cake. Se volete provare, allora non imburrate la teglia e una volta sfornata, ponetela capovolta, insieme alla teglia, sostenuta da bicchieri lungo il bordo. Per sformarla, aiutarsi con un coltello o una spatola da cucina.

Per la salsina ai frutti di bosco:

  • 150 gr di frutti di bosco (anche surgelati)
  • 3-4 cucchiai di zucchero (sono andata ad occhio)
  • 2 cucchiai di acqua

Frullare tutti gli ingredienti, passare la purea per un colino (per eliminare i semini) e far addensare sul fuoco per pochi minuti. Far raffreddare e servire.

良い一日を !

Advertisements

4 thoughts on “La Tokio cheesecake. Ossia la torta al formaggio giapponese soffice come il cotone.

  1. Ciao Ida! Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog, e devo proprio dirtelo, mi piace un sacco! Come mi piace questa cheesecake giapponese, di cui ignoravo totalmente l’esistenza… Ricetta rubata;) A presto!

  2. Direi che è splendida.Una cheesacake difficilissima.Mica per la procedura! ma per la traduzione!!! 良い !!!挨拶

Esprimiti pure

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...