Tortino rustico con friarielli e scamorza. Solo per sapere.

Se non siete di Napoli o non vivete a Napoli, questo post è pressocchè inutile. A meno che non adattate la ricetta cambiando l’ingrediente friariello con un altro ortaggio, qui riuscirete solo a sapere dell’esistenza di un broccolo simile alle cime di rapa e con un’infiorescenza appena accennata, dal sapore leggermente amarognolo. Si vende solo qui, fuori dalla città partenopea è quasi impossibile trovarlo. E’ come la pizza, quella vera si mangia solo qui, eccetto in quei posti in cui si è importato pizzaiolo, pomodoro e mozzarella napoletani. Tutto il resto è contraffazione del fattoanapoli. Immaginate ora di bere un caffè con meno zucchero del solito. Riuscite a sentirne l’amaro? Ecco quello è un caffè amaro. Il friariello non è amaro, ma è un broccolo leggermente amaro. E’diverso!

Napoli oltre ad avere il mare, ha anche le colline. Posillipo e il Vomero, un secolo fa erano destinati alle coltivazioni. Il Napoletano, sa come coltivare i broccoli, sa quando è il momento giusto per coglierli, soprattutto perchè sa benissimo che fine vuole fargli fare! La fame era fame, il broccolo contiene poche calorie. Bisognava aumentarle. Bisognava friggerlo. Nasce il friariello, colto al punto giusto. I fiorellini si devono appena intravedere, per cuocersi bene senza disfarsi. Ed ora una delle prove di napoletanità alla quale sono stata sottoposta più volte, non essendo nata qui. Come si friggono? Penso di non sbagliare più dicendo che prima di ogni cosa vanno ammonnati, ossia mondati. Si tolgono le foglie più dure e i gambi, ma fino ad un certo punto. Insomma è un’arte che si tramanda. Poi vanno sciacquati abbondantemente e gettati, senza farli sgocciolare, nell’olio, aglio e peperoncino già dorati. Si copre, si rigirano ogni tanto e si fanno cuocere stando attenti a non farli disfare. Si gustano così o accompagnati dalla salsiccia (e qui si potrebbe ricominciare con un’altra storia), cotta a parte e unita solo alla fine ai friarielli. A Napoli si dice che la morte dei friarielli è con la salsiccia. E io confermo. In quasi tutte le feste, nelle case più chic e in quelle più modeste, non pùo mancare come portata. Li ho mangiati anche con la scamorza alla brace, con gli spaghetti e a frittata. Sono unici. Oggi un pò per provocazione, un pò per orgoglio, non essendo napoletana, mi sono distaccata leggermente dalla tradizione e li ho inseriti in un semplice tortino rustico, che di solito preparo con le patate, per dargli un tono un pò più maschile, arrogante e presuntuoso. Spiccano anche così, non c’è niente da fare, hanno personalità!

Per 4 persone (una teglia da forno di circa 30×20 cm):

  • 3 fasci di friarielli (o cime di rapa, oppure 3-4 patate, 2-3 zucchine medie, oppure cipolle…)
  • fette di pane quanto basta per ricoprire il fondo della teglia
  • 100 gr. di scamorza dolce
  • 5-6 cucchiai di olio extravergine di oliva (la tradizione ne prevede di più, ma anche così vengono bene)
  • 1 spicchio di aglio
  • peperoncino
  • sale
  • due cucchiai di latte
  • 3 uova
  • 2 cucchiai di parmigiano

Mondare i friarielli mantenendo solo le infiorescenze e le foglie più tenere con parte dei gambi. Sciacquarle più volte in acqua e calarli in una padella nella quale soffriggono l’aglio e il peperoncino insieme all’olio. Coprire, rigirare ogni tanto e lasciar cuocere, fin quando saranno teneri, ma non spappolati. Aggiustare di sale.

Affettare sottilmente il pane, togliere parte della crosta più dura, e con esse ricoprire il fondo di una teglia antiaderente o di ceramica. Bagnarle leggermente con il latte e con un filo d’olio. Accendere la funzione grill del forno a 180° e abbrustolire leggermente le fette, ponendo la teglia nel ripiano più alto.

Nel frattempo sbattere le uova con il parmigiano ed un pizzico di sale.

Togliere la teglia dal forno, passare alla funzione con la doppia resistenza superiore e inferiore sempre a 180° (forno sopra e sotto insomma, statico), e cospargere il pane dei friarielli e della scamorza tagliata a fettine sottili. Coprire con le uova sbattute, cospargere di parmigiano o grana grattugiato e infornare, nei gradini centrali questa volta, fino a doratura. Servire tiepida, ma anche fredda è buona, solo che la scamorza non fila più.

Buona giornata!

Annunci

3 thoughts on “Tortino rustico con friarielli e scamorza. Solo per sapere.

  1. carissima Ida ma sai che io sono di origine napoletana… proprio del vomero! vivo a Roma dai tempi dell’università quindi da ormai da qualche anno…. ma io Napoli e i friarielli li ho nel cuore! a trovarli qui! nada… magari me ne faccio portare un fascio da mamma, che ormai ha lista ogni volta, dalla mozzarella di bufala, ai limoni sorrentini, alle olive hahaha ci aggiungiamo anche i fantastici friarielli! complimenti ricetta golosissima!:*

  2. si legge questa ricetta con occhi spalancati “ma dove vuole arrivare!”si finisce con leggerla con un sorriso, wau ingredienti semplici semplici

Esprimiti pure

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...