Street food classico napoletano. Il crocchè.

Crocchè

Bisogna barricarsi mentre si friggono i crocchè. I ladri sono sempre in agguato. Attirati dall’inconfondibile profumo arrivano quatti quatti e con improvvisa disinvoltura attaccano il piatto di portata. Ed hanno ragione. Il crocche è friggi e mangia. E’ una ricetta della cucina classica napoletana che nasce poverissima. Patate, sale e pepe senza impanatura. Ma ahimè nasconde delle insidie. Se non si trova la patata giusta si dissolvono nell’olio di frittura. Almeno a me è capitato spesso. Questa che vi propongo e che si trova nell’ultimo numero del magazine  “Taste&More” è la versione che non mi ha mai deluso. Nata consultando la tradizione, le signore napoletane e la mia cara mammina.

La ricetta si trova a pag. 26 del magazine.

 

[Se non dovesse visualizzarsi l’anteprima cliccare QUI]

Annunci

9 thoughts on “Street food classico napoletano. Il crocchè.

  1. Premessa: in famiglia le nostre origini sono sparse in giro per l’Italia ma in prevalenza tra Roma e Napoli..anche se ora alcuni di noi vivono a Nord..puoi benissimo capire quanto le influenze e le tradizioni e i dialetti e la cucina siano un incrocio. Bene, mia nonna (bravissima cuoca) ogni qualvolta si parli di crocchette le chiama crocchè. Non ho mai capito il perché, ho sempre pensato che si sbagliasse e l’ho sempre corretta. Invece ora ho capito che ha ragione lei, domani glielo dico! 🙂

  2. Ma tu te la sentiresti di biasimarli i ladri? io sinceramente vorrei piuttosto unirmi a loro, sia se cercano? faccio anche la comparsa nel caso. Non ho altro da aggiungere se non ancora una volta che aspetto semper i tuoi post, per i contenuti e perché mi fai sempre ridere un sacco!

  3. Ho ammirato la tua ricetta sul bellissimo numero di Taste&More e mi sono subito ritrovata a casa di mamma…adoro i crocchè e la prossima volta provo la tua tecnica dell’albume d’uovo montato. Io mi trovo bene nel passarli nella pastella, acqua e farina,ma ora sono troppo curiosa di capire la differenza.
    Buona serata Ida

I commenti sono chiusi.