Torta essenziale di mele, arancia e mandorle relativamente light. Falla che è buona.

All’apice di un periodo personale burrascoso, nel momento di maggior disordine intorno a me, tra pacchi, mobili non più immobili in giro per casa in cerca di una posizione, odore di pittura, polvere ed estranei dipinti di bianco in cerca di caffè, ritrovo la mia serenità e ricomincio a sfornare torte. Sono la prova vivente che dal caos può nascere l’ordine. Piano piano eliminando il superfluo, pacchi di vecchi maglioni del liceo e trenta paia di jeans tutti uguali, pacchi di scarpe arcobaleno, pacchi di negatività, insomma “pacchi”, alleggerisco appartamento, pensieri e vita e ritrovo l’essenziale. Forse. No! Sì, ritrovo l’essenziale.

Torta di mele light  3

Farina, uova, zucchero e pacchi di mele. Una torta di mele ridotta ai minimi termini. Non una torta light senza burro, olio e grassi, ma una torta di mele quasi senza torta. Raccontando di lei e recitando i minimalisti ingredienti vi verrà spontaneo dire: ” Falla che è buona!”. Senza troppe spiegazioni.

Torta di mele light

 Ricetta per uno stampo da 20 cm di diametro:

  • 650 g di mele (io golden), circa tre
  • 100 g di farina 00
  • 90 g di zucchero
  • 100 ml di latte a temperatura ambiente (mezzo bicchiere)
  • 2 uova a temperatura ambiente
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • la buccia grattugiata e il succo di un’arancia (un bel tarocco)
  • un pizzico di sale
  • mandorle a lamelle

Preriscaldare il forno a 170° statico e rivestire lo stampo con la carta da cucina bagnata e strizzata. Sbucciare le mele, ridurle a cubetti e bagnarle con il succo dell’arancia. In una ciotola mescolare con cura lo zucchero, la buccia grattugiata dell’arancia, i tuorli, il sale, il latte e la farina ben setacciata con il lievito. Basta un mestolo di legno, ma se dovessero formarsi grumi consiglio di usare le fruste elettriche per rimediare. Aggiungere le mele e il succo dell’arancia. Con delicatezza incorporare gli albumi delle uova, montati a neve, con movimenti dal basso verso l’alto. Versare nello stampo, cospargere la superficie di mandorle e cuocere per 40 minuti nel ripiano più basso del forno. Vale sempre la prova stecchino. Sfornare e far raffreddare prima di staccarla dalla carta.

Con il benestare dell’imbianchino che ha gradito insieme al caffè.

Ben ritrovati.

Annunci

Spuntino e sputacchi alle ciliegie.

Spuntino Angela alle ciliegie

A te che mi hai chiesto come impiegare 10 kg di ciliegie senza farne confettura. Le prime cinque o sei (di numero), dividile a metà, denocciolale e caramellale in un pentolino antiaderente sul quale avrai spalmato un cucchiaino di miele. Adagiale dalla parte del taglio, mi raccomando. Appena sentirai il profumino inconfondibile del caramello annusa con gli occhi chiusi, pensami e spegni. Falle raffreddare in freezer ma per poco. Giusto il tempo di riportarle rapidamente a temperatura ambiente. A me piacciono leggermente ghiacciate però, lo sai. Fai far loro l’amore con tre cucchiai di yogurt greco, un altro cucchiaino di miele e una spruzzatina di limone.

ciliegie
Gli altri 9,850 Kg gustali davanti alla tv, o davanti al pc mentre trasformi la tua passione in pane e io trasformo il mio pane in passione grazie ai tuoi consigli e ai tuoi incoraggiamenti. Sputacchia i noccioli cercando di centrare un bicchiere distante. Ogni canestro è un mio bacino per te, Angela.

p.s. : i noccioli delle ciliegie sono ottimi come imbottiture per cuscini terapeutici. Basta lavarli per bene, essiccarli in forno a 100° e infilarli in una piccola fodera con zip. Il cuscino, riscaldato su un termosifone, è un ottimo sostituto della borsa d’acqua calda e, mettendolo in freezer, anche della borsa del ghiaccio.

Ciao, ciao, ciao!

Tramezzino Stefano. Ida e l’ufficio anagrafe.

senza titolo-3036-004Sono stufa di elencare gli ingredienti già nel nome della ricetta. Un tramezzino semplice, nato per esigenze dietetiche, aveva bisogno di un nome light. Doveva essere italiano e ricordare un giorno festivo del calendario. L’impiegato dell’anagrafe mi ha guardato e mi ha chiesto: ” Allora?? Ha deciso, signora?”. Sul cognome non c’erano dubbi: ” Tramezzino!”, ho esclamato. Meglio di sandwich come ci ha insegnato D’Annunzio. “Du gust is megl che uan” come ci ha insegnato Accorsi… “Stefano!”, ho urlato. E’ stato complicato come quando ho dovuto scegliere il nome del mio priomogenito. “Stefano!” sussurrai all’infermiera del nido….modificato2Stefano è composto da tre fette di pane per tramezzini integrale e due strati di farcitura. Per la prima farcitura vi basterà tagliare a striscioline una zucchina novella, aggiungere mezza cipollina affettata sottilmente e condire con qualche goccia di succo di limone, un filo d’olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Per la seconda invece lavorate con la forchetta un paio di cucchiaiate di ricotta, un cucchiaino di parmigiano grattugiato e aggiungete qualche mandorla o nocciola tostate e tritate grossolanamente. Mettete le zucchine sulla prima fetta di pane e coprite con la seconda fetta che spalmerete di ricotta. Chiudete con l’ultima fetta di pane, tagliate due triangolini e fermateli con uno stuzzicadenti.

Niente di che. E’ solo per rendere più gradevole una dieta e per chi mi chiede ricette semplici e fattibili solo aprendo il frigorifero.

Vi aggiorno sulla data del Battesimo.